Appunti di diritto (in)civile.

Bibliotecaria mancata. Studentessa quando capita. Giurista in divenire.

Anche gli incivili cucinano: ragnetti di Halloween (senza lattosio)

Lascia un commento

Photo credit: Giallo Zafferano

Sto ancora decidendo se riaprire ufficialmente il blog o meno. Il fatto è che non sono sicura di riuscire ad aggiornarlo con una costanza degna di questo nome a causa di impegni vari ed eventuali. Inoltre twitter mi ha reso pigra, ché 140 caratteri sono più facili da scrivere rispetto a un post come si deve.

Comunque.

Tutto ciò non mi impedisce, nel frattempo, di condividere con voi una ricettina facile e veloce dedicata ad Halloween, vale a dire i ragnetti di cioccolato, ottimi se stasera vi tocca una festa a tema e non avete ancora fatto in tempo a preparare nulla.

Non si tratta di una mia invenzione, sia chiaro. Il web è pieno di ricette simili. Tuttavia, poiché tra me e Mr. Lattosio continua ad esserci maretta, ho dovuto apportare un po’ di modifiche. Quello che troverete di seguito è il risultato realizzato con ingredienti lactose-free.

Per chi avesse dubbi sulla bontà della riuscita, posso assicurare (o meglio, possono assicurarlo il Cantastorie e tutti coloro che hanno avuto modo di assaggiare il tutto) che la mancanza di lattosio non influisce per nulla sul gusto.

Per chi, fortunello, non ha litigato col lattosio, è ovvio che gli ingredienti rimangono quelli tradizionali (quindi burro invece della margarina e normali biscotti secchi invece dei Privolat; la quantità non cambia).

Ma bando alle ciance, cominciamo:

Ingredienti per l’impasto (la ricetta di base, che io ho modificato, è quella del salame di cioccolato di Giallo Zafferano, se ne ricavano una trentina di ragnetti – dipende dalle dimensioni dei singoli ragni):

  • Biscotti secchi senza lattosio (tipo Privolat): 300 g
  • Margarina Vallè (non contiene lattosio): 150 g
  • Cioccolato fondente (assicuratevi che la marca prescelta non contenga latte): 200 g
  • Rum: 2 cucchiai
  • Uova: 2
  • Zucchero: 100 grammi

 

Ingredienti per la decorazione:

  • Rotelle di liquirizia (anche qui, occhio agli ingredienti delle singole marche)
  • Sfere di zucchero color argento
  • Farina di cocco/codette di cioccolato/codette multicolore/cacao in polvere

 

Procedimento:

Sbriciolate i biscotti secchi in una ciotola capiente.

Fate ammorbidire la margarina nel microonde (o, semplicemente, tenetela fuori dal frigo una mezzoretta) e sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria, girando di frequente. Una volta che il cioccolato si sarà sciolto, vi raccomando di togliere il pentolino dal fornello (anche se spento) per evitare che il cioccolato si bruci (e diventi amarisssssimo). Lasciate raffreddare.

Nel frattempo, in una terrina lavorate la margarina a crema, aggiungendo pian piano lo zucchero, le uova, il rum e il cioccolato raffreddato. Amalgamate bene il composto ottenuto e unitelo ai biscotti sbriciolati. Io unisco anche una manciata di farina di cocco sia per dare sapore sia per regolare la consistenza. Mescolate il tutto.

A questo punto, è arrivato il momento di sporcarsi le mani (per la gioia dei vostri bimbi… ma anche vostra, ammettetelo). Yeeeeh! Create dall’impasto una serie di palline del diametro di 2-3 cm (ma potete anche farle più grandi, volendo): costituiranno il corpo dei vostri ragnetti.

Potete quindi procedere a decorare le palline: passatele nel cacao in polvere o nelle codette al cioccolato per ottenere un effetto realistico. In alternativa, potete creare dei ragnetti un po’ atipici passando le palline nella farina di cocco o nelle codette colorate.

Per creare gli occhietti, usate le sferette di zucchero color argento (in alternativa, sui ragnetti più chiari, potreste usare dei chicchi di caffè o delle scagliette di cioccolato).

Mancano le zampe, ma ci penseremo dopo: ora i vostri ragni devono diventare un po’ più solidi. Metteteli dunque in frigo, coperti, finché non si saranno induriti (tre-quattro ore).

Nel frattempo potrete creare le zampette: prendete le rotelle di liquirizia, srotolatele e ricavate dei pezzetti di un paio di centimetri (regolatevi in base alla grandezza delle palline fatte prima). Tutto qui.

Una volta che il corpo dei ragnetti sarà diventato meno molliccio, potrete attaccare le zampe con delicatezza, aiutandovi se necessario con uno stuzzicadenti.

Non mi resta che augurarvi felice Halloween!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...