Appunti di diritto (in)civile.

Bibliotecaria mancata. Studentessa quando capita. Giurista in divenire.

Perché non siam popolo, perché siam divisi.

12 commenti

All’alba della magnifica lectio tenuta da Benigni sull’Inno italiano, sconforta ricordarsi che queste parole del nostro Inno sono più che mai attuali.

Citofono.

Tizio: “Salve, dovrei lasciarle una comunicazione.”

Clarinette (che stava studiando, che in questi giorni è molto, molto nervosa causa esame imminente e che di queste “comunicazioni” pseudo-commerciali/pseudo-beneficenza ne ha ricevute fin troppe): “Buongiorno. Di che tipo di comunicazione si tratta, scusi?”

Tizio: “Una comunicazione che sto lasciando a tutti i suoi vicini. Loro sono scesi a prenderla.”

Clarinette: “Buon per lei. Ma io vorrei sapere prima di che comunicazione si tratta, magari potrebbe non interessarmi.”

Tizio: “Ma se lei scende o mi fa entrare la vede e capisce. Guardi che tutti mi hanno aperto, eh. Tutti i suoi vicini!”

Clarinette: “Mi dica almeno da parte di chi è questa comunicazione. Chi è lei e perché dovrei aprirle?”

Tizio: “Lei scenda che così la vede!”

Clarinette: “Senta…”

Tizio: “Certo che si vede proprio che sei calabrese.”

Clarinette: “Complimenti! In compenso si vede proprio che lei, invece, è un gran maleducato e per giunta ignorante.”

Clic.

Ok. Forse la mia reazione è stata un po’ troppo da “nonna che ha paura di far entrare gli sconosciuti”, però vista la rivelazione finale sono quasi pentita di non avergli buttato dalla finestra un pentolone di acqua bollente.

Io sono mezza calabrese e mezza romagnola. Sono nata sul Lago Maggiore. Sono stata cresciuta da un siciliano in provincia di Varese. Sono follemente innamorata di un foggiano e vorrei andare a vivere in Emilia. Perciò tu, povero piccolo leghista che nella vita non hai trovato niente di meglio da fare che cercare di imbrogliare le persone porta a porta, tu che pensi di avermi insultata chiamandomi calabrese, sei solo un miserabile col cervello limitato dalla sua piccolezza, che della vita, dell’Italia e dell’essere Cittadini del Mondo, non ha capito e non capirà mai nulla.

Annunci

12 thoughts on “Perché non siam popolo, perché siam divisi.

  1. Ma come faceva a sapere che hai parenti in calabria?
    E poi dicono che i “terroni” sono maleducati …

    • E’ la domanda che ci siamo posti anche io e i miei. Boh!
      Magari per il cognome di mia madre, ma non ne sarei certa. Per quanto riguarda l’accento: io l’accento calabrese ehm… tu lo sai… decisamente non ce l’ho. Mia madre men che meno visto che è qui da 33 anni.
      Sarà che il paesello è piccolo e la gente mormora… chissà. Rimane comunque un gran maleducato…

  2. Ma la tua reazione è stata legittima , che me ne frega a me se tutti i vicini sono scesi senza preoccuparsi di nulla. Io vorrei sapere chi diamine sei tu prima di tutto. Cafone.

  3. E direi proprio di sì!

  4. La divisione regionale non è sufficiente per dire che siamo divisi. Ogni regione ha delle bellissime caratteristiche che è bene rimangano. Solo dal punto di vista culinario ci sono delle “magnifiche” differenze. Purtroppo ci sono anche delle differenze nell’interpretare “l’educazione”.

  5. Per come son fatta io sei stata anche troppo buona!!
    mauauaua

  6. Ma non ci posso credere!
    Io avrei sbattuto giù il citofono dopo i primi due secondi! Sono così….IGNORANTE, vero?

    Bacio stellina! :*

  7. Qui non si tratta di origini, è e rimane un problema di maleducazione sotto tutte le latitudini. Da buona barese e per di più vigile urbano, ogni giorno sono costretta a contenere la mia ira funesta che mi spinge ad agire più come Massimo Decimo Meridio che come S.O.S. Tata, che assiste allo scempio d’inciviltà che c’è in giro, a tutte le età e in tutte le professioni.
    Comunque, in merito all’accaduto sarei scesa a pianterreno e, come si dice dalle mie parti,gli avrei rotto il mazzo che tiene…a quel bauscia lì! Hai tutto il mio sudista appoggio, cara.

  8. Io ti stimo parecchio 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...